Applicare il Modello 231: per migliorare la governance aziendale attraverso la prevenzione e la corretta gestione del risk management

Il decreto legislativo n. 231/2001 prevede un regime di responsabilità amministrativa a carico degli enti per  illeciti commessi da amministratori, dirigenti e dipendenti nell’interesse o a vantaggio dell’ente stesso; dotarsi di un modello organizzativo, diventa la soluzione  per migliorare la governance, prevenire la commissione di reati e gestire il risk management.

LEN attraverso la sua rete di professionisti, accompagna le società e gli enti che vogliono dotarsi di un modello organizzativo 231 offrendo i seguenti servizi:

  • analisi della struttura organizzativa aziendale per l’identificazione e valutazione dei rischi e dei possibili interventi migliorativi;
  • assistenza nella fase di start-up progettuale e predisposizione del Modello 231 e del Codice etico, in base ai risultati ottenuti nella fase di audit;
  • formazione del personale per garantire la corretta comprensione e applicazione del modello;
  • monitoraggio dei risultati e aggiornamento del modello in base al mutare delle relative norme o delle necessità aziendali;
  • attività di assistenza nell’attuazione del Modello e supporto nel funzionamento dell’Organismo di Vigilanza

images

Modello 231: uno strumento organizzativo per gestire in “modo organico e sistematico” la sicurezza in azienda

L’obiettivo di LEN è definire uno strumento organizzativo che permette di gestire in “modo organico e sistematico” la sicurezza dei lavoratori “senza sconvolgere la struttura organizzativa aziendale”, puntando sui seguenti requisiti:

– adozione di una politica per la gestione della sicurezza;

– identificazione dei pericoli, valutazione dei rischi e individuazione delle modalità di controllo, in stretta connessione alle prescrizioni legislative o ad altre adottate;

– definizione di programmi e obiettivi specifici;

– definizione di compiti, responsabilità e deleghe adeguati a garantire l’effettiva gestione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;

– formazione, addestramento e coinvolgimento del personale;

– comunicazione, partecipazione e consultazione, dei dipendenti e delle parti interessate;

– utilizzo e gestione controllata della documentazione per la gestione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;

– stabilire e attuare quelle operazioni e attività associate ai pericoli identificati, dove l’attuazione di controlli (adeguate modalità di controllo) è necessaria per la gestione dei rischi per la salute e sicurezza sul lavoro;

– stabilire e mantenere attive adeguate misure atte a individuare, prevenire e controllare i possibili eventi accidentali (infortuni e near miss) ed emergenze;

– monitoraggio e misurazione delle prestazioni del sistema per la sicurezza e salute, nonché per il mantenimento della conformità legislativa;

– assicurare che siano svolti audit interni ad intervalli pianificati.  Piani e programmi di audit vanno definiti e attuati sulla base della valutazione del rischio e dei risultati degli audit precedenti;

– ad intervalli pianificati, riesaminare l’idoneità, l’adeguatezza e l’efficacia del sistema di gestione comprendendo la valutazione delle opportunità di miglioramento e l’eventuale necessità di apportare modifiche al sistema, alla politica e agli obiettivi.

images (1)

 

Analisi e comprensione degli incidenti mancati: conoscere gli incidenti per migliorare la consapevolezza e la percezione dei rischi.

Gli infortuni sul lavoro rappresentano un costo troppo alto, insostenibile, sia in termini di sofferenza e di vite che in termini di costi sociali (il volume complessivo di questi costi ammonta ad una cifra pari a circa il 3% del nostro prodotto interno lordo) ed è necessario più che mai sondare ed applicare tutte le misure di prevenzione attuabili nei luoghi di lavoro. Spesso sono proprio gli incidenti e i “quasi incidenti”,  a rappresentare una miniera di informazioni vitale per la prevenzione degli infortuni nelle aziende.  I consulenti del GRUPPO LEN attraverso esperienza e conoscenza maturata in azienda, riescono a definire con attenzione e precisione tutti i punti critici di controllo normati.

Attraverso un’idonea gestione dei dati e delle informazioni è possibile ricavare precise e puntuali indicazioni sugli interventi migliorativi e necessari per ridurre gli infortuni, e implementare l’attività imprenditoriale.

 

Convegno nazionale Sistemi di Gestione Sicurezza sul Lavoro

Convegno Adifer Parma

Convegno su I Sistemi di Gestione (SGSL) e Modelli per la organizzazione e la gestione della sicurezza (MOG)

Convegno Adifer Parma

L’Associazione Adifer Parma, individua e propone nuove opportunità imprenditoriali e di orientamento degli interessi economici.In tal senso attenta alle nuove iniziative intraprese dall’Inail in materia si sicurezza sul lavoro, sta organizzando un convegno organizzato in collaborazione con Inail Parma,  Cris –  Università degli Studi di Modena,  Usl Parma e Ordini Professionali, intitolato

Sistemi di Gestione (SGSL)  e  Modelli per la organizzazione e la gestione della sicurezza  (MOG) 

L’esigenza recepita tra le aziende, è quella di approfondire gli aspetti della sicurezza nei luoghi di lavoro,  direttamente con le parti istituzionali che si relazionano con gli esperti del settore e che poi hanno il compito di promulgare la cultura della sicurezza ottemperando ai dispositivi di legge con applicazione delle linee guida del D.lgs. n. 81/2008 e modifiche successive, oltre che tutta la parte normativa relativa alla responsabilizzazione aziendale prevista dal D.Lgs. n. 231/2001.

Gruppo Len e Adifer Parma: unione vincente

Il Gruppo Len sempre attento alle esigenze delle aziende, è in continuo movimento per cercare le soluzioni migliori che rendano efficienti le imprese; dal 2013 ospita la sede provinciale di Adifer per promuovere la ricerca e la formazione continua insieme alle realtà territoriali più significative.

Grazie all’efficiente rete territoriale, ADIFER propone servizi di assistenza e consulenza per le imprese, rispondendo efficacemente alle necessità della moderna gestione aziendale;  e avvalendosi sul territorio locale dell’esperienza dei consulenti e formatori del GRUPPO LEN rodati altamente qualificati e supportati dalle più avanzate tecnologie informatiche, promuove la ricerca e lo sviluppo continuo per il miglioramento aziendale.

Sicurezza on Demand: formazione obbligatoria riconosciuta e certificata on line.

Il Gruppo LEN, attraverso la propria piattaforma certificata di apprendimento on line, è in grado di somministrare la formazione in materia di Sicurezza, in linea con gli adempimenti previsti dal Testo Unico e nel rispetto degli indirizzi dettati dalla Conferenza Stato-Regioni e successive modifiche.

http://www.sicurezzaondemand.it/

http://www.gruppolen.it/

http://www.trainingweb.it/

 

Len e la formazione obbligatoria riconosciuta e certificata anche on line.

Il Testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza, individua ben 26 attività obbligatorie tra informazione e formazione, dal datore di lavoro per le piccole e medie imprese, al dirigente e preposto e per tutti i nuovi soggetti attivi della sicurezza tra cui il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e i relativi addetti al servizio, il medico competente, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza aziendale o territoriale, gli addetti al primo soccorso, all’antincendio e emergenze, i coordinatori per la progettazione e l’esecuzione, etc.

A questi si aggiungono le informazioni e formazioni nei confronti di lavoratori addetti a determinate attività che li espongono  a particolari fonti di rischio, e per i quali occorre una formazione specifica aggiuntiva: Len è pronta con la formazione obbligatoria riconosciuta e certificata anche con i corsi on line.

http://www.sicurezzaondemand.it/

http://www.gruppolen.it/

 

 

 

 

La concretezza di Len: risposte immediate e sempre aggiornate

Il Network di Len è in grado di profilare le giuste e immediate risposte sulla base delle singole esigenze aziendali.

Consulenza e valutazione dei rischi aziendali, stesura modulistica richiesta per legge rispetto al decreto interministeriale sulle procedure minime di standardizzazione, nonché descrizione delle lavorazioni aziendali e delle mansioni, con indicazione formazione ed erogazione del percorso minimo obbligatorio previsto per legge a seconda dei vari profili professionali.

http://www.sicurezzaondemand.it/

http://www.gruppolen.it/

 

Responsabilità Amministrativa delle Imprese – D.Lgs. 231/01 [X107]

Durata: 14 ore

OBIETTIVI

L’obiettivo del corso è sviluppare, sia in coloro che guidano le imprese, sia in coloro che le supportano, mettendo a disposizione la propria professionalità nel campo giuridico, contabile, amministrativo e finanziario, la consapevolezza che l’adeguamento della struttura imprenditoriale al modello organizzativo 231 è momento indispensabile per l’esercizio dell’attività, al fine di sviluppare concrete modalità di governo, più moderne, ispirate a principi etico-sociali, oltre che reddituali, che consentano di fronteggiare il delicato scenario economico che la realtà ci presenta.

A CHI È RIVOLTO

Il corso è rivolto a tutti i professionisti e a tutte le imprese.

PROGRAMMA DI DETTAGLIO

  • Introduzione al decreto 231/01
  • L’ambito soggettivo di applicazione del D.Lgs. 231/01
  • L’ambito oggettivo di applicazione del D.Lgs. 231/01
  • Il presupposto soggettivo per l’imputazione della responsabilità dell’ente
  • La colpevolezza dell’ente
  • L’esclusione della responsabilità dell’ente
  • I reati contestabili artt. 24, 25, 25bis e 25quater D.Lgs. 231/01
  • Aspetti principali della giurisprudenza in riferimento ai reati ex. 231
  • I reati commessi:
    • nei rapporti con la P.A.
    • contro la Fede Pubblica
    • per delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico

Clicca qui per la scheda corso completa