Bando ISI Inail 2014: finanziamenti a fondo perduto alle imprese per investire nella salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Il Gruppo Len assiste sostiene e supporta le Imprese nell’accesso al “Bando ISI INAIL 2014 – Incentivi Sicurezza” che intendono investire per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

L’Inail finanzia in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura.

DLGS 231/01 – Responsabilità amministrativa delle società e modelli di gestione.

Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante la “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell’art. 11 della legge 29 settembre 2000, n. 300” ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la responsabilità in sede penale degli enti, che si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto illecito, a “vantaggio dell’organizzazione”, o anche solamente “nell’interesse dell’organizzazione”, senza che ne sia ancora derivato necessariamente un vantaggio concreto.

Attraverso la sua  rete di consulenti il  GRUPPO LEN sostiene società ed enti che vogliono dotarsi di un modello organizzativo 231 offrendo i seguenti servizi:

  • analisi della struttura organizzativa aziendale per l’identificazione e valutazione dei rischi e dei possibili interventi migliorativi;
  • assistenza nella fase di start-up progettuale e predisposizione del Modello 231 e del Codice etico, in base ai risultati ottenuti nella fase di audit;
  • formazione del personale per garantire la corretta comprensione e applicazione del modello;
  • monitoraggio dei risultati e aggiornamento del modello in base al mutare delle relative norme o delle necessità aziendali;
  • attività di assistenza nell’attuazione del Modello e supporto nel funzionamento dell’Organismo di Vigilanza

Modello 231: uno strumento organizzativo per gestire in “modo organico e sistematico” la sicurezza in azienda

L’obiettivo di LEN è definire uno strumento organizzativo che permette di gestire in “modo organico e sistematico” la sicurezza dei lavoratori “senza sconvolgere la struttura organizzativa aziendale”, puntando sui seguenti requisiti:

– adozione di una politica per la gestione della sicurezza;

– identificazione dei pericoli, valutazione dei rischi e individuazione delle modalità di controllo, in stretta connessione alle prescrizioni legislative o ad altre adottate;

– definizione di programmi e obiettivi specifici;

– definizione di compiti, responsabilità e deleghe adeguati a garantire l’effettiva gestione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;

– formazione, addestramento e coinvolgimento del personale;

– comunicazione, partecipazione e consultazione, dei dipendenti e delle parti interessate;

– utilizzo e gestione controllata della documentazione per la gestione della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;

– stabilire e attuare quelle operazioni e attività associate ai pericoli identificati, dove l’attuazione di controlli (adeguate modalità di controllo) è necessaria per la gestione dei rischi per la salute e sicurezza sul lavoro;

– stabilire e mantenere attive adeguate misure atte a individuare, prevenire e controllare i possibili eventi accidentali (infortuni e near miss) ed emergenze;

– monitoraggio e misurazione delle prestazioni del sistema per la sicurezza e salute, nonché per il mantenimento della conformità legislativa;

– assicurare che siano svolti audit interni ad intervalli pianificati.  Piani e programmi di audit vanno definiti e attuati sulla base della valutazione del rischio e dei risultati degli audit precedenti;

– ad intervalli pianificati, riesaminare l’idoneità, l’adeguatezza e l’efficacia del sistema di gestione comprendendo la valutazione delle opportunità di miglioramento e l’eventuale necessità di apportare modifiche al sistema, alla politica e agli obiettivi.

images (1)

 

Convegno nazionale Sistemi di Gestione Sicurezza sul Lavoro

Convegno Adifer Parma

Convegno su I Sistemi di Gestione (SGSL) e Modelli per la organizzazione e la gestione della sicurezza (MOG)

Convegno Adifer Parma

L’Associazione Adifer Parma, individua e propone nuove opportunità imprenditoriali e di orientamento degli interessi economici.In tal senso attenta alle nuove iniziative intraprese dall’Inail in materia si sicurezza sul lavoro, sta organizzando un convegno organizzato in collaborazione con Inail Parma,  Cris –  Università degli Studi di Modena,  Usl Parma e Ordini Professionali, intitolato

Sistemi di Gestione (SGSL)  e  Modelli per la organizzazione e la gestione della sicurezza  (MOG) 

L’esigenza recepita tra le aziende, è quella di approfondire gli aspetti della sicurezza nei luoghi di lavoro,  direttamente con le parti istituzionali che si relazionano con gli esperti del settore e che poi hanno il compito di promulgare la cultura della sicurezza ottemperando ai dispositivi di legge con applicazione delle linee guida del D.lgs. n. 81/2008 e modifiche successive, oltre che tutta la parte normativa relativa alla responsabilizzazione aziendale prevista dal D.Lgs. n. 231/2001.

Gruppo Len e Adifer Parma: unione vincente

Il Gruppo Len sempre attento alle esigenze delle aziende, è in continuo movimento per cercare le soluzioni migliori che rendano efficienti le imprese; dal 2013 ospita la sede provinciale di Adifer per promuovere la ricerca e la formazione continua insieme alle realtà territoriali più significative.

Grazie all’efficiente rete territoriale, ADIFER propone servizi di assistenza e consulenza per le imprese, rispondendo efficacemente alle necessità della moderna gestione aziendale;  e avvalendosi sul territorio locale dell’esperienza dei consulenti e formatori del GRUPPO LEN rodati altamente qualificati e supportati dalle più avanzate tecnologie informatiche, promuove la ricerca e lo sviluppo continuo per il miglioramento aziendale.

Bando ISI Inail 2013: finanziamenti a fondo perduto alle imprese per investire nella salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Il Gruppo Len assiste sostiene e supporta le Imprese nell’accesso al “Bando ISI INAIL 2013 – Incentivi Sicurezza” che intendono investire per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

L’Inail finanzia in conto capitale le spese sostenute per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura.

Len è in grado di analizzare e progettare la sicurezza per la tua azienda, sostenendoti nella presentazione della richiesta del finanziamento.

Questo bando, vuole agevolare le aziende per:

  • progetti di investimento;
  • l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
  • la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro messe in servizio anteriormente al 21 settembre 1996, non a norma;

La presentazione delle domande avverrà con modalità “valutativa a sportello” secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande e fino all’esaurimento delle risorse disponibili (dotazione finanziaria pari a 307 milioni di Euro).
Condizione indispensabile per poter accedere al bando è il superamento di un punteggio soglia che potrà essere verificato online sul sito dell’INAIL che verrà aperto dal 21 gennaio 2014.
L’agevolazione ottenibile è costituita da un contributo a fondo perduto pari al 65% dei costi ammissibili sostenuti e documentati per la realizzazione del progetto. In ogni caso, il contributo massimo erogabile è pari a € 130.000,00.

Il modello standardizzato, per essere più vicini alle esigenze delle aziende

Il Gruppo LEN fornisce consulenza alle aziende per la redazione e la valutazione del rischio in azienda, in base alle procedure standardizzate, con le quali il legislatore ha cercato di facilitare il compito del datore di lavoro.

 Lo scopo è quello di rendere efficace la norme, sollevando l’impresa da ogni problema legato a tecnicismi burocratici che di fatto portano a disattendere le regole sulla sicurezza nell’ambiente di lavoro.  

LEN assiste l’azienda attraverso una compilazione guidata delle quattro macro aree per l’ analisi del rischio che compongono la valutazione:

– descrizione dell’azienda;

– identificazione dei pericoli presenti in azienda;

– valutazione dei rischi associati e individuazione delle misure di prevenzione e protezione attuate;

– definizione del programma di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza.

 

LEN, UN GRANDE ALLEATO DELLE AZIENDE IN MATERIA DI OBBLIGHI SULLA SICUREZZA

LEN con la sua pluriennale esperienza in ambito Salute e Sicurezza  nei luoghi di lavoro, riesce a fornire adeguata consulenza per

  • Individuare e valutare tutti i fattori di rischio presenti in azienda
  • Individuare le relative misure di sicurezza da adottare in relazione agli ambienti di lavoro, al personale e alla specificità dei processi
  • Elaborare  le prassi per l’attuazione di misure di prevenzione e protezione, verificandone l’efficacia
  • Elaborare le procedure di sicurezza per le specifiche attività aziendali, che siano queste svolte in modo individuale o collettivo,
  • Organizzare i programmi di formazione e informazione, generica o specifica per i lavoratori,
  • Organizzare la riunione periodica prevista dall’art. 35, D.lgs. n. 81/2008
  • Promuovere l’informazione ai lavoratori sui rischi, sulle misure di prevenzione, e sulle procedure individuate da adottare nelle prassi comuni di lavoro.

In questa maniera LEN, diventa il migliore alleato delle aziende, in ambito Salute e Sicurezza.

LEN E GLI OBIETTIVI GENERALI DELLA FORMAZIONE OBBLIGATORIA DEGLI APPRENDISTI

LEN è in grado di individuare gli obiettivi del modulo “sicurezza sul lavoro” esterno all’impresa, contenuti nel Piano Formativo individuale degli apprendisti, in maniera chiara e specifica, rispetto all’obiettivo principale della normativa sulla sicurezza, che è quello di sensibilizzare il giovane lavoratore.

Obiettivo precipuo della normativa, è sviluppare la partecipazione attiva degli apprendisti in materia di prevenzione: prioritario è sicuramente far crescere la consapevolezza dei rischi presenti sui luoghi di lavoro e dell’utilità di adottare tecniche e misure di prevenzione adeguate.

LEN contribuisce con i suoi corsi specifici per gli apprendisti, alla Educazione e alla Promozione della salute e tutela nell’ambiente di lavoro.

Attraverso:

  1. Individuazione dei diritti e dei doveri dell’apprendista,  sanciti dalla legge
  2. Valutazione dei rischi nei luoghi di lavoro
  3. Riconoscimento dei soggetti di riferimento che agiscono all’interno del sistema impresa (Datore di lavoro, Medico Competente, Rappresentante dei lavoratori,…), in virtù del modello partecipativo previsto dal D.lgs. n. 81/2008

Obiettivo principale è quindi quello di rendere consapevole l’apprendista dei diritti e dei doveri che la legge gli riconosce. L’apprendista diventa un soggetto attivo, per cui il coinvolgimento lo spinge a trovare quali sono i problemi, e a tirar fuori e a recepire il rischio e che cos’è il pericolo cercando di percepire quali sono i momenti in cui, anche per autodifesa propria, il lavoratore  deve cominciare a comprendere che una precisa situazione ha effettivamente valenza di rischio.